Posts Tagged ‘minaccia’

Chi crede nel diritto di cronaca

lunedì, dicembre 5th, 2011

Oggi puntiamo i riflettori su chi fa coraggiosamente cultura e informazione mettendo a rischio la propria vita, su tutti quei giornalisti che ogni giorno, prima di dare una notizia, devono fare i conti con minacce a se stessi e alle proprie famiglie.

Ne parliamo per non lasciarli soli, perché illuminare mediaticamente i cronisti che lavorano in terre di confine, dando loro un volto e una voce è un ottimo modo per tutelarli e onorarli per il lavoro che coraggiosamente svolgono.

E non si tratta affatto di casi isolati: Ossigeno per l’informazione, un osservatorio che si occupa di portare alla luce tutti questi casi, sempre più frequenti, in cui i giornalisti vengono minacciati da associazioni mafiose, ci dice che in Italia negli ultimi anni hanno subito minacce ottocento giornalisti. A correre i rischi maggiori sono soprattutto quelli che lavorano per piccoli giornali, magari di provincia, dove i potenti, i prepotenti e i criminali che trovano sgradite le notizie hanno più facilità di minacciare, intimare, diffamare, innanzitutto attraverso querele che richiedono risarcimenti spropositati tali da mettere in ginocchio le piccole realtà giornalistiche non tutelate.

Bisogna allora raccontare le storie di chi racconta, come spiega in questa intervista Roberto Rossi, parlando del libro Avamposto, scritto con Roberta Mani. A cominciare dal titolo: Avamposto, che vuole proprio dare un’idea del clima in cui i giornalisti calabresi si trovano a lavorare, l’omertà che li lascia immersi nella solitudine.

Il libro Avamposto è allora proprio la testimonianza ravvicinata della realtà calabrese: il racconto delle vicende di un cronista di Crotone bastonato da tre persone incappucciate, la storia di fotografo sequestrato per aver scattato foto sgradite… Ma non ci sono eroi in Avamposto, solo persone in pericolo per aver creduto nel diritto di cronaca.

 

  • Collegati
  • Valid XHTML
  • New Blog